Vulcano

ITA030027 ISOLA DI VULCANO – SITO SIC

Comune di Lipari ME – 1.554,96 Ha

 

L’isola di Vulcano è costituita da coltri laviche antiche localizzate nella parte meridionale, in cui si osserva la cima più alta (M. Aria, 500 m), mentre in quella settentrionale prevalgono depositi abbastanza recenti rappresentati in particolare dal gran cratere alto img_8280 391 m e da Vulcanello. Quest’ultima area è caratterizzata inoltre da numerose fumarole. Le superfici più giovani sono quasi del tutto prive di vegetazione. La vegetazione più matura e ricca floristicamente si rinviene nella parte meridionale dell’isola ed è rappresentata soprattutto da arbusteti a Ginestra e Citiso delle Eolie, mentre sono rari i boschi a Leccio. Nella parte settentrionale sono diffusi aspetti a carattere pioniero rappresentati soprattutto da praticelli effimeri. Lungo la costa sono presenti formazioni alofile o subalofile interessate da Finocchio marino e da Perpetuino delle scogliere, mentre più rare sono quelle psammofile. L’isola di Vulcano presenta un notevole interesse soprattutto per le sue peculiarità geomorfologiche, in quanto parte dell’isola è attualmente interessata da img_8279manifestazioni di vulcanesimo secondario con estese superfici caratterizzate da considerevoli e spettacolari emissioni gassose, fanghi e acque termali. Dal punto di vista floristico è significativa la presenza di diversi endemismi eolici fra cui in particolare Cytisus aeolicus. Gli aspetti di vegetazione più significativi e diffusi sono gli arbusteti a Ginestra e le formazioni pioniere a terofite e piccoli arbusti. Significativo è inoltre il passaggio, in particolare in periodo autunnale, dei passeriformi; abbondanti sono Turdidi e Silvidi. Notevole l’erpetofauna che comprende una sottospecie di lucertola, la Podarcis raffonei antonino, endemica dell’isola. Il sito ospita una fauna invertebrata relativamente ricca con alcune specie endemiche, talora del solo arcipelago eoliano o della sola isola di Vulcano.

Comments are closed.