Alicudi

ITA030023 ISOLA DI ALICUDI – SITO SIC

Comune di Lipari ME – 398,15 Ha

Complesso vulcanico alto circa 675 m, si presenta come una massa subsonica, con pareti ripide, che divengono spesso verticali verso il mare, nella parte occidentale dell’isola, mentre la parte orientale presenta una morfologia più dolce. La costa dell’edificio vulcanico si presenta più o meno uniforme, priva di insenature e di scogli. Le superfici 10398756_1119494060729_1011465_nmeno acclivi erano state in passato terrazzate e utilizzate per scopi agricoli. Attualmente molte di queste aree risultano abbandonate e sono state riconquistate dalla vegetazione arbustiva naturale. Infatti gran parte della superficie è in ricoperta da arbusteti bassi e da macchia alta. In alcune zone impervie si rinvengono piccoli lembi di boschi di Leccio. Nel versante settentrionale e occidentale molto scosceso e spesso inaccessibile si rinvengono aspetti arbustivi misti a vegetazione rupicola.  Sull’ isola sono presenti diverse specie rare, alcune rinvenute di recente sui versanti più impervi, come Citiso e Silene, 10398756_1119497860824_2675513_nrari endemismi eolici. Inoltre è da segnalare la presenza di altre specie endemiche, quali la Ginestra tirrenica, il Fiordaliso, il Perpetuino della scogliera, il Ranuncolo rupestre, ecc., che risultano ben rappresentate e spesso abbondanti. In ambienti rocciosi si rinvengono frammenti di formazioni rupicole di Campanule. Significativo è inoltre il passaggio, in particolare in periodo autunnale, dei passeriformi; abbondanti sono Turdidi e Silvidi. Tra i nidificanti le presenze più rilevanti sono rappresentate dalle colonie di Falco della regina, allocate sulle falesie rocciose. Tra i passeriformi di rilievo la presenza della Magnanina. L’habitat dell’isola consente di ospitare una fauna relativamente ricca con alcune specie endemiche, talora del solo arcipelago eoliano, o della sola isola di Alicudi.

Comments are closed.